Il Giardino

Natura arte e storia rendono famoso il Giardino Giusti in tutto il mondo.

Il Giardino

Alla fine del milletrecento, la famiglia Giusti si trasferì dalla Toscana a Verona per sviluppare l’industria della tintura della lana, prima fonte di ricchezza della città scaligera. Nel 1406 Provolo Giusti acquistò un’area contigua all’antica via Postumia, principale asse viario est-ovest della pianura padana. In quest’area, lungo le antiche mura della città, la famiglia Giusti per due secoli utilizzò gli spazi dell’attuale giardino per far bollire i calderoni in cui la lana veniva trattata e per stendere ad asciugare i panni.

Nel corso del XV secolo, quello che era in origine un insediamento produttivo, venne convertito in un palazzo di rappresentanza nello stile del Sanmicheli e completato da un giardino formale con bossi, cipressi, fontane e grotte secondo la moda del tempo. Principale artefice del giardino e del palazzo fu Agostino Giusti (1548/1615) uomo colto, appassionato di musica e di pittura, in contatto con i Medici e gli Asburgo, e fiduciario dei Veneziani.

L’accorpamento di vari piccoli fabbricati usati per l’attività laniera dette origine all’attuale palazzo, con due corpi distinti da una lunga facciata sulla via e un grande salone di rappresentanza. L’atrio d’ingresso presenta un portico a sei arcate aperte sul cortile d’onore. Oltre il cancello si intravede il lungo viale di cipressi che termina nella grotta e il mascherone scolpito nella rupe. Il Giardino Giusti richiamava molti elementi dei giardini medicei, che erano il punto di riferimento estetico delle élites colte dell’epoca.

Scopri il giardino

mappa
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
Scarica la mappa

Scopri il giardino

Clicca sui numeri per conoscere i principali punti di interesse.

Un giardino del 500

Con il diffondersi in Europa del Grand Tour il Giardino Giusti divenne una tappa obbligata di tutti i grandi viaggiatori di passaggio per Verona - poeti, artisti, teste coronate - quali Cosimo III, Charles de Brosses, Mozart, Goethe, Addison, Evelvyn, Ruskin, l’Imperatore Giuseppe II, il Re Carlo Felice di Sardegna e lo Zar Alessandro di Russia.Il Giardino, tuttora in restauro, è mantenuto all’antica, con la semplicità dei giardini del tempo passato che privilegiavano l’architettura, la mitologia e i legami con il mondo classico, con pochi fiori, pochi cespugli e alberi esotici. Oggi vi si nota ancora la presenza di tutti gli elementi di moda nei giardini del Cinquecento: vasi con agrumi, statue mitologiche, fontane, cedraia, grotte, mascheroni, reperti romani e padiglioni per sostare e ammirare il panorama.

Il giardino di pianura, ripartito in nove quadrati all’italiana, è diviso in stanze simmetriche, dominate da aiuole di bosso e statue mitologiche di Diana, Venere, Atlante, Apollo, Adone. L’asse principale è il viale di cipressi che porta alla grotta e al mascherone lasciando alla sua destra il labirinto e alla sua sinistra il parterre all’italiana, il giardino di agrumi e la cosiddetta “vaseria”. Questa sezione del giardino, squadrata e rigorosa, richiama l’intervento architettonico dell’uomo, l’ordine e la simmetria.

La sezione boscosa del giardino è invece concepita per stupire il visitatore che percorre all’ombra i viottoli in salita. La rupe, la grotta, il gioco delle ombre e delle luci e le prospettive sono create artificialmente per generare ammirazione, stupore e meraviglia. Una scala segreta in una torretta scavata nella roccia conduce della parte alta del giardino. Dal belvedere ricavato sopra la testa del mascherone si può godere uno dei più famosi panorami della città di Verona.

 

 

I grandi visitatori

Con il diffondersi in Europa del Grand Tour il Giardino Giusti divenne una tappa obbligata di tutti i grandi viaggiatori di passaggio per Verona tra cui poeti, artisti, teste coronate.

Card image cap
ALESSANDRO I

Lo Tzar di Russia visitò il giardino “en privé”

Card image cap
COSIMO III DE MEDICI

Il penultimo Granduca di Toscana

Card image cap
GIUSEPPE II

Imperatore del Sacro Romano Impero

Card image cap
WOLFGANG AMADEUS MOZART

Visitò il Giardino nel suo viaggio in Italia nel 1769

Card image cap
CHARLES DE BROSSES

Conte di Tournay, magistrato, filosofo, linguista e politico francese.

Card image cap
JOHANN WOLFGANG VON GOETHE

“Italienische Reise” scrisse a lungo sul cipresso oggi ancora in vita”

Card image cap
THOMAS ADDISON

Uno dei “grandi medici” inglesi.

Card image cap
CARLO FELICE DI SAVOIA

Re di Sardegna e Duca di Savoia